Microblading fasi inizio lavoro

 

   

L’arte del Microblading 

Viviana Ramassotto 

 

Ho seguito il corso a 24 h da qui, Shezen proprio dove nasce il microblading! E in base alla mia esperienza anche di docenza, vi scrivo alcune indicazioni al fine di creare un lavoro perfetto!

Tipologia di aghi

L’ago è flat ( piatto) e ha varie punte molto vicine e sottili. Può essere ad effetto ‘lingua di gatto’ come un pennello da sfumati matita, oppure angolare. Il numero di punte che consiglio è dalle quattro alle sei per ottenere un effetto più accurato nel millimetro. Personalmente utilizzo l’ago a cinque/sette punte

Come si monta l’ago

Nella maggior parte dei casi, la penna che supporta l’ago ha un gancio rotatorio sulla sommità; esso stringe il corpo dell’ago al fine di poter essere posizionato a proprio piacimento. La posizione consigliata è perpendicolare, la punta dell’ago deve puntare verso l’operatore e deve essere ben stretto dalla penna.

Posizione dell’ago sulla pelle 

La sua posizione sulla pelle deve essere sempre verticale. 

Il movimento deve esercitare una pressione maggiore nella zona centrale della linea. In questo modo le estremità del finto pelo rimarranno sfumate.

La pressione deve essere minima: la pelle non deve assolutamente sanguinare

Il movimento 

L’ago deve sfiorare la pelle, la pressione deve aumentare al centro della linea e andare scemando mam mano che l’ago esce dalla pelle. Il movimento deve ‘spingere’ l’ago in avanti rispetto a noi. 

La velocità 

Il tratto dovrà essere elaborato con una bassa velocità. Ad esempio un pelo lungo 5mm dovrà rimanere in movimento nella pelle per 3-4 secondi  

Inizio del tatuaggio con tecnica microblading 

Organizzare il piano di lavoro seguendo la normativa sanitaria vigente 

Detergere accuratamente il derma

Fare un disegno preparatorio 

Punzecchiare con le punte dell’ago tutta l’area da dermo pigmentare

Applicare la crema anestetica

Far aderire sopra un film di plastica sottile trasparente 

Lasciare due minuti

Preparare il pigmento in cake

Immergere l’ago e sommariamente pulire dall’eccesso i suoi lati

Togliere il film di plastica trasparente da un sopracciglio 

Iniziare a creare le linee che simuleranno dei peletti. Contare i peletti in base alle posizioni per poter eseguire un lavoro simile nell’altro sopracciglio.

Una volta create le linee, poggiare un impacco di pigmento in cake e premere lievemente con un bastoncino 

Iniziare con l’altro sopracciglio. Stessi steps, impacco di pigmento e tornare sul primo sopracciglio; ripetere

Inserire il liquido stabilizzante del colore

Cosa occorre per l’esercitazione

Temperamatite 

Matite 

Righello e simili

Foglio di pelle sintetica

Penna Microblading 

Ago a quattro o cinque punte flat

Pigmento

Vaschetta pigmento 

Fazzoletti detergenti 

I disegni potranno essere trasferiti tramite carta copiativa sul foglio di pelle sintetica.

Richiedici le esercitazioni pratiche per sviluppare manualità, simmetria, capacità artistiche, intuito; è facilissimo creare una pelo’ ed anche piuttosto economico rispetto alla Dermopigmentazione. Ma non tutte le pelli possono essere trattate, ad esempio quelle grasse. Ed essenziale è ESSERE MAKE-UP ARTIST quanto meno dell’arcata sopraccigliare! 

puoi seguire l’apposito corso ‘disegnare le sopracciglia’ e lo stage con la master internazionale Viviana. Sarà disponibile a farti assistere ai suoi lavori e darà delucidazioni live mentre lavora sulla Dermopigmentazione oppure Microblading!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *